Passa ai contenuti principali

Finestre nuove con spifferi ?

Hai appena sostituito le tue vecchie finestre con nuovi serramenti super prestanti ? super isolanti ? super fighi ? Ma nonostante tutto, devi tenere la sciarpa in casa per via degli spifferi ?



Sembra assurdo ma non sei l'unico che si è trovato in questa situazione, molto probabilmente le te finestre nuove hanno dei difetti di fabbrica o sono state installate male.

Lo so, fa davvero arrabbiare, aver speso tutti quei quattrini ed essersi sorbiti tutte le parole del venditore sulla qualità e la competenza per poi trovarsi con un prodotto, in realtà mediocre, per via di come è stato installato. 

La cosa peggiore è che fino ad oggi, davanti all' evidenza del problema, difficimente si riusciva a farsi sistemare le cose, nosotante i difetti palesi.

Attenzione, questi rischi si possono correre non solo deve si sono sostituiti i serramenti ma anche in case nuove.

Questi sono problemi normalmente riscontrabili dove ci sono sub appalti a prezzi troppo tirati, o alternanza delle responsabilità , ma anche dove la competenza sparisce e ci si improvvisa per quello che non si è.

In questi casi il disastro è assicurato, non solo si rischia di trovarsi con un serramento scadente spacciato per buono, ma è facile ritrovarsi con un serramento posato così male tanto da permettre spifferi e passaggio di rumore.

Oggi per fortuna ci sono due norme molto importatni che tutelano l'utente finale.

Queste duenorme UNI sone le segueti

UNI 10818:2015

UNI 11673-1:2017

 La prima norma la UNI 10818 cita testualmente "“Finestre, portefinestre, porte e chiusure oscuranti – Ruoli, responsabilità e indicazioni contrattuali nel processo di posa in opera”. La novità è che il Gruppo di Lavoro 12 dell’UNI, il team specializzato in “Finestre, porte, chiusure oscuranti e relativi accessori”

Già dal 1999 data della sua prima uscita la 10818 identifica le responsabilità e la figura dei seguenti soggetti
  • Progettista;
  • Direttore dei Lavori;
  • Produttore dei serramenti;
  • Installatore;
  • .Costruttore edile;
I nuovi ruoli introdotti con l’edizione 2015:
  • Distributore/rivenditore;
  • Importatore;
  • Mandatario;
  • Fornitore/installatore di vetrazioni;
  • Committente;
  • Utente;
  • Altri operatori.

Se già questa importantissima norma preveda delle responsabilità e ruoli ben precisi in caso di difetto del prodotto o della posa errata, la neonata UNI 11673  è un ulteriore giro di vite a tutela del cliente filnale.  Essa cita "
La norma UNI 11673-1 definisce le metodologie di verifica dei requisiti di base dei progetti di posa in opera dei serramenti e fornisce indicazioni di carattere progettuale.

Le metodologie descritte dalla norma sono finalizzate alla verifica delle prestazioni dei giunti d’installazione e della loro coerenza alle prestazioni dei serramenti. In particolare la progettazione dei giunti d’installazione viene affrontata sui seguenti livelli.

  • isolamento termico (analisi della presenza di isoterme critiche sulla superficie interna del sistema di posa in opera oggetto di verifica; analisi della temperatura media mensile minima per cui non sussistono le condizioni per la formazione di muffe sulla superficie interna dell’edificio in prossimità del giunto primario e/o secondario unicamente dipendente dal sistema di posa in opera; analisi del ponte termico lineare);
  • isolamento acustico;
  • permeabilità all’aria;
  • resistenza meccanici al carico del vento e ai carichi propri;
  • resistenza all’effrazione;
  • durabilità e manutenibilità;
  • composti organici volatili (VOC / COV) indoor e sostenibilità;
  • comportamento termo-igrometrico e traspirabilità del giunto;
  • requisiti base dei materiali di sigillatura e riempimento;
  • compatibilità tra tipologie di sigillanti fluidi e substrati;
  • prestazioni degli accessori e componenti.

La norma UNI 11673-1 affianca l’esistente norma UNI 10818:2015 che definisce ruoli e responsabilità dei vari soggetti che intervengono nel processo di posa in opera dei serramenti (dal progettista, all’impresa edile, al fabbricante, al posatore fino all’utente finale) in attesa che vengano elaborate anche altre due norme sul tema della posa in opera dei serramenti a cura dello stesso Gruppo di Lavoro 12 del Comitato Tecnico 33 dell’UNI.

Questo significa che sebbene le norme siano volontarie, ai fini di una corretta posa e progettazione del noto finestra non si può più prendere ed installare un serramento a caso senza garantirne le prestazioni.

Non solo, tutte le verie figure comprese nelle norme dovranno rispondere dei difetti di produzione dei serramenti e della posa difettosa, o vizi postumi all' installazione.

Non è più tempo per improvvisarsi installatori senza tenere conto della correzione dei ponti termici, installando falsi telai in metallo, senza tagliare i dvanzali o schiumando abbondantemente i telai.

Ora con uno strumento molto semplice, che è il Blower door test che vedete in foto qui sotto


E con la termografia mediante termocamera ad infrarossi potete verificate la posa e l'installazione dei vostri serramenti nuovi, evidenziando in modo oggettivo tutti gli spiferi e ponti termici non corretti dovuti a difetti di posa.


Se vi trovate in queste situazioni, con un Blower door test e verifica con termocamere potete far valere le vostre ragioni su chi ha installato male o fornito un prodotto scadente.

Queste nuove norme serviranno a regolamentare il settore, dove purtroppo vige troppa improvvisazione, sopratutto quando i prezzi sono troppo bassi.

L'effetto che si potrà avere sarà molteplice.

Se ad una maggiore consapevolezza da parte dell' utente porterà a possibili cause verso imprese e serramentisti, il serramentista professionista ed occulato, come l'impresario che costruisce ad alta efficienza energetica e con qualità, avrà tutto l'interesse nel forneire al proprio committente una prova fotografica con un test certo sullo stato dei serramenti  e della buona tenuta all' aria degli stessi, come garanzia del proprio lavoro.


 








Post popolari in questo blog

Cappotto interno funziona ? Conclusioni

Nel precedente post sul cappotto interno realizzato su un unica parete di cui ho proposto l'analisi e la realizzazione a questo link, ho lasciato in sospeso la conclusione finale sull' utilità o meno di questa realizzazione al di là dei soliti calcoli che vengono abitualmente fatti.








Dai calcoli effettuati è assodato che la parete nella quale è realizzato il cappotto di 5 cm (4 cm xps 1 cm cartongesso) dimezza di fatto la sua trasmittanza termica lasciando intuire (sulla carta) un conveniente risparmio energetico e maggiore confort.

In pratica le prove effettuate in questo periodo hanno dato valori ben diversi


La temperatura della parete isolata è solo di circa 2°C più calda delle pareti non isolate.La temperatura globale della stanza non è variata in modo significativo Il disagio termico (freddo percepito ) è rimasto praticamente invariato.I possibili problemi di condensa interstiziale se presenti saranno visibili solo a gennaio La contro parete isolante non ha modificato le d…

Il tufo come materiale isolante e da costruzione

Nei miei numerosi viaggi tra la Puglia e la Basilicata mi è capitato spesso di soggiornare in strutture realizzate in tufo. Vedendo le enormi cave realizzate ai piedi dei paesi sfruttate per realizzare gli stessi questo materiale ha catalizzato la mia curiosità. In effetti questo materiale è di largo utilizzo in meridione e possiede interessantissime proprietà isolanti e di sfasamento termico. Vi sono due tipologie di tufo, il tufo vulcanico e il tufo calcareo generato per sedimentazione.
 La sua struttura macroporosa lo rende molto interessante dal punto di vista termo igrometrico e per le proprietà di abbattimento acustico, anche se questo comporta in una sorta di fragilità strutturale che porta il materiale a sfarinarsi.

 L'abitazione  che ho analizzato era costituita da tufo vulcanico utilizzato come tamponamento della struttura principale si può quindi assumere un valore di trasmittanza pari a 0,6 /0,7 W/mk

Dati tecnici di riferimento del tufo 
 Coefficiente di resistenza a…

Cappotto interno come funziona

Visto l'interesse dei lettori questo centesimo post e dedicato all'effettivo funzionamento del cappotto interno.
Come solito ho preso come soggetto casa mia, un autentico colabrodo termico, non si poteva avere esempio migliore :-\

Queste riprese sono state realizzate internamente ed esternamente alla stanza nella quale ho realizzato un cappotto termico interno esiguo nell' intenzione di contenere una pò le dispersioni termiche e migliorare la situazione generale della parete dietro all' armadio.
La parte è costituita da una lastra di cartongesso accoppiata a del semplice xps dello spessore di 4 cm posato in diretta aderenza al muro esistente con collante e tasselli, potete leggere l'intera recensione della realizzazione a questo link  --  cappotto interno dall' analisi alla realizzazione  --

Nelle immagini ho voluto  evidenziare alcuni dettagli quali

tasselli che possono creare condensaponte termico perimetrale al cappotto non eliminabile effetto del riscaldamen…

Differenza tra cappotto esterno e cappotto interno

La letteratura tecnica descrive le diverse performance tra cappotto interno e cappotto esterno con una serie di tabelle prestazionali e grafici di condensa interstiziale solitamente di difficile comprensione a chi non si è mai trovato a doverli interpretare.
Così come sono molte le note pro e contro che vengono associate ad entrambe le tipologie di isolamento termico., come ho avuto modo di constatare sia di persona che a livello pratico i cappotti interni o intermedi alla struttura riescono difficilmente a correggere in modo opportuno i ponti termici strutturali, la situazione peggiora nettamente con tutte le applicazioni interne isolate che non danno continuità isolante su tutte le pareti fredde.

Tutta via In determinati contesti di ristrutturazione risulta impossibile realizzare un cappotto esterno e di sovente  può succedere di dover optare per entrambe le soluzioni, ovvero, ci si ritroverà con una parte di edifico isolato esternamente ed una parte isolato internamente.

Rimane dif…

I materiali termoriflettenti

PREMESSA 

Data la popolarità di questo argomento e le mole di domande in merito che mi vengono poste via mail è bene precisare che le considerazioni sulle prestazioni isolanti di questo materiale vengo fatte esclusivamente dal punto di vista della loro capacità di riflettere una fonte di calore irraggiata diretta ed intensa, questo perchè si è constatato, che le loro prestazioni di isolamento termico da conduzione ed convezione sono esigue e non confrontabili con i comuni materiali isolanti.

Guarda il VIDEO 



Per vedere quanto possa funzionare un materiale termoriflettente ho fatto una prova interessante che ha rivelato le notevoli proprietà di questo semplice materiale.
Sul tetto di un capannone in pieno sole ho posto circa 1 m quadrato del peggior materiale termoriflettente recuperabile in qualsiasi store di obbistica. Questo materiale è composto da un supporto di 3 mm di polistirolo flessibile e da una sottilissima pellicola metalizzata con rifinitura lucida. solitamente Questo mater…

Come ti frego con l'emissività

Sembra facile con una termocamera o un pirometro misurare la temperatura di un oggetto, basta prendere la sofisticata apparecchiatura,  accenderla, puntarla sull' oggetto e voilà ecco che come per magia conosciamo alla perfezione la temperatura dell' oggetto che osserviamo....... troppo facile, la realtà ci pone un limite ben preciso per tutte le misure indirette, ricavate tramite un algoritmo di calcolo, il limite consiste che la nostra misura è una stima sulla base di un calcolo il quale deve tenere presente alcune variabili.

Una di queste variabili quanto mai insidiose è l'emissività

Per definizione possiamo definire l'emissività  (cit. Wikipedia)



La emissività di un materiale (di solito indicata conε) è la frazione di energiairraggiata da quel materiale rispetto all'energia irraggiata da un corpo nero che sia alla stessa temperatura. È una misura della capacità di un materiale di irraggiare energia. Un vero corpo nero avrebbe un ε = 1 mentre qualunque oggetto re…

Test materiale termoriflettente e vernice termoisolante

Nel precedente post, ho cercato di spiegare in modo semplice come si propaga il calore del riscaldamento delle abitazioni per irraggiamento e da cosa esso viene riflesso.
Utilizzando sempre la stessa lastra campione, appoggiata su un fornello elettrico, simulerò una parete riscaldata di una casa alla quale sono state applicate diverse finiture dichiarate riflettenti o se preferite termoriflettenti e termoisolanti.

Il campione è costituito da una lastra di cartongesso da 1 cm

La lastra è stata suddivisa in 4 quadranti
il primo quadrante è stato verniciato con una pittura termoisolante le cui nano sfere di ceramica dovrebber oavere un effetto termoisolante e termoriflettente
il secondo quadrante è semplice pittura acrilica bianca
il terzo quadrante è alluminio adesivo lucido
il quarto quadrante è lasciato grezzo senza alcuna finitura.



La lastra di cartongesso è stata appoggiata alla piastra del fornello elettrico calda ed osservata con la termocamera.

L'immagine che segue è molto ben…

Quando il cappotto termico è più un golfino senza maniche

Perchè se hai un condominio che è un parallelepipedo di calcestruzzo fai 10 cm di cappotto solo su 2 dei 4 lati ???????

Perchè trascuri due facciate che sono completamente lisce ed uniformi e fai il cappotto dove ci sono i balconi, rientri ecc ?????????

Perchè butti via dei soldi quando hai già l'impalcatura montata  ??????????

Nell' attesa che un' entità superiore possa rispondere alle mie domande vi propongo questo termogramma che parla da solo




Con questo termogramma rispondo a tutti quelli che hanno la brutta idea di voler fare il cappotto solo su un lato della casa o in modo parziale, ecco quello che otterrete, questo non è un capotto ma un golfino senza maniche !
In più avete buttato via soldi e tempo ottenendo un risultato pessimo. 
Attenzione questo termogramma è un caso reale, di due condomini gemelli sui quali due anni fa è stato isolato solo il tetto e 2 delle 4 facciate ottenendo questo schifo.
La medesima situazione è applicabile a chi ha più vetrate rispetto …

Intervista su Prontopro

Prontopro.it il portale italiano, che raggruppa artigiani e professionisti, permettendo ai privati un facile contatto con loro per ricevere preventivi su svariate prestazion,i mi ha intervistato sulla termografia, in modo da far conoscere questa tecnologia molto utile nella manutenzione degli immobili, a tutto il loro pubblico.

Certo che la conoscenza di questa piattaforma possa essere utile anche ai miei lettori e a tutti quelli che si imbattono nel mio blog condivido qui diseguito il link all' intervista pubblicata sul blog di Prontopro.it